CONTRAFFAZIONE DI FONDI PER CALZATURE

CONTRAFFAZIONE DI FONDI PER CALZATURE


descrizione del progetto

Calzaturificio con sede a Fermo tutela i propri fondi per calzature

Tipica attività che attiene al diritto industriale è l’azione cautelare volta alla repressione di violazione di diritti di proprietà intellettuale.

In un caso, un calzaturificio con sede nella provincia di Fermo ha ideato e realzzato un fondo per calzature. Il fondo è stato registrato come modello comunitario.

La seconda stagione di vendita, come spesso accade, alcuni concorrenti hanno utilizzato un fondo simile a quello registrato, mentre altri hanno addirittura utilizzato lo stesso fondo.

Lo Studio Torresi & Associati ha agito in sede cautelare nei confronti di due suolifici della provincia di Macerata e Fermo per far valere i diritti del calzaturificio ottenendo dal Tribunale di Ancona, sezione specializzazata in materia di impresa, un provvedimento di inibitoria e di condanna alle spese legali. In un caso si è raggiunta una transazione e il concorrente, riconosciuti i diritti di proprietà intellettuale del cliente, si è impegnato a non utilizzare per il futuro quel fondo o fondi simili e ha rimborsato le spese sostenute dal calzaturificio; nell’altro caso, invcece, si è proceduto a sequestro e solo dopo la controparte ha inteso risolvere la questione in via stragiudiaziale accollandosi tutte le spese legali.

Il calzaturificio continua a tutt’oggi ad utilizzare quello stesso fondo su tutti i suoi modelli, anche se totalmente diversi tra loro, e tale attività finirà per attribuire in futuro a quel fondo anche un valore distintivo.